Progetto Finale

 

 

La prima cosa che ho fatto è stata aprire una famiglia modello generico basato su linea per costruire il listello di base.

Ho creato dei parametri di tipo, definendo altezza, spessore e materiale.

1.png

Successivamente ho aperto una nuova famiglia modello generico basata su linea dove ho creato delle reference lines per poter agganciare i listelli precedentemente fatti.

2.png

 

Ho montato i listelli sulle due reference lines.ho applicato delle quote angolari tra le reference lines e il piano di base. la quita ha il nome "angolino"3.png

Il parametro Angolino mi permette di cambiare l’inclinazione dei listelli a parità di lunghezza totale.4.png

Ho voluto montare l’assemblaggio precedente in un pannello di facciata. 

5.png

Per poterli montare ho prima creato delle reference lines a partire da un estrusione cilindrica semplice. mettendomi sulla reference line in piano verticale ho potuto inserire i listelli inclinati. 

6.png

 

Ho aggiunto un ulteriore parametro angolare chiamato ANGOLO tra le reference lines. in questo modo ho potuto parametrizzare sia gli angoli verticali che quelli orizzontali di ogni elemento8.png

Ho ripetuto i passaggi per montare 3 elementi uguali

9.png

 

L’intento è quello di parametrizzare sia l’altezza del pannello, che i vari angoli tra i listelli e dei listelli stessi. infatti qui possiamo vedere come al variare dell'altezza del pannello non variano gli angoli.10.png

A conclusione del pannello ho aggiunto una lastra di vetro.

11.png

 

Ho aperto un progetto nuovo dove ho realizzato un curtain wall. Ai parametri ho tolto la voce della griglia orizzontale per poterla realizzare a mano

12.png

Ho utilizzato il comando curtain grind per poter realizzare gli assi orizzontali. Questo per avere il pannello più basso

In una fascia da 3 metri,  i pannelli centrali in due fasce da 1,5 m l’una, e i pannelli in alto in face da 1 metro l’una.

13.png

Ho duplicato il pannello di base per 3 volte in modo da poter cambiare i parametri in ognuna delle tre fasce di pannelli.

14.png

vista generale della facciata

15.png

Ho realizzato un altro curtain wall allo stesso modo frontalmente a quello precedente

16.png

 

Ho costruito un tetto al livello 1 che ho chiamato piano su17.png

 

Nelle impostazioni del tetto, esattamente come per il muro continuo ho scelto sloped glazing e ho costruito la griglia.18.png

 

19.png

Ho iniziato a montare i pannelli di facciata anche per la copertura e ho specchiato le facciate per poter avere i listelli esternamente e la parte vetrata internamente

20.png

 

Per la composizione interna sono partita dal modello generico e ho creato questi parametri21.png

 

Ho dato un materiale all’elemento base22.png

Ho aperto una nuova famiglia di modello generico in cui ho realizzato una griglia ed importato il cubo

23.png

Nella griglia ho dato quote alterne per poter allargare i cubo. La distanza tra i cubi sarà data da un parametro

Governato dalla dimensione del cubo, quindi quando andrò ad allargare il cubo questa sarà la metà.

24.png

Ho aperto una nuova famiglia in cui ho creato la stessa grigia precedente in verticale ed ho unito i parametri tra le

Due famiglie

25.png

 

26.png

Ho caricato la composizione nel progetto

27.png

Ho aggiunto altri elementi come fossero delle sedute partendo dal cubo di base fatto per la composizione.

Ho quindi caricato il modello nel progetto ed ho modificato i parametri

28.png

 

qui vediamo il modello senza composizionea.jpg

b.jpgd.jpg

 

con l'inserimento della composizione e le sedutee.jpg

f.jpg

qui ho diminuito le dimensioni della composizioneg.jpg

Dom, 28/06/2020 - 20:09
Tutorial Famiglia Modello Generico Metrico Adattivo

Su richiesta del professore ho fatto un piccolo tutorial sulle masse e sul funzionamento del modello generico metrico adattivo.

Inizio facendo vedere come creare la massa nell'area di progetto.

Apro quindi un nuovo file di progetto e creo una serie di piani di riferimento a cui assegno un nome ciascuno

A1.png

Ora mi posiziono nel prospetto sud ed uso il comando Massa Locale che si trova in Volumetrie e cantiere.

Imposto il piano di riferimento su Telaio 1 e con il comando Spline passante per più punti inizio a disegnare un profilo per la mia superficie,

A2.png

Ripeto l'operazione per tutti i piani di riferimento e creo i profili che formeranno la mia superficieA3.png

Seleziono tutti i profili e clicco sull'opzione "Crea Forma" ed ottengo questa superficie

A4.pngOra posso selezionare i profili e spostarli per allungare un po' la superficie

A5.png

Seleziono la superficie e clicco su dividi superficie per ottenere una griglia 

A6.png

nelle opzioni sulla barra posso aumentare e diminuire la divisione della superficie nelle due direzioni U e V. 

Nel caso uno volesse avere una griglia a passo diverso può invece creare dei piani di riferimento che attraversano la superficie ed usare il comando intersezioni. In questo modo la superficie sarà "tagliata" dai piani. Per questo post mi basta dividere la superficie con U e V.

Ora devo creare l'elemento che si adatterà alla superficie. Il modello sarà un elemento che andrà da un punto all'altro della griglia e poi verrà ripetuto su tutta la superficie.

Apro quindi una nuova famiglia Modello generico metrico adattivo e mi ritrovo in questo spazio di lavoro.

A7.png

In alto a sinistra dove ho tutti gli strumenti per disegnare c'è lo strumento Punto. 

Uso quindi questo strumento per creare due punti all'interno dello spazio di lavoro.

Non ha importanza la posizione dei due punti

A9.png

Selezioni quindi i due punti e clicco sull'opzione "Rendi Adattivo"A10.png

Ora i due punti sono adattivi. Cioè si adatteranno ai punti della superficie senza impostare altri parametri. 

Creo quindi una linea di riferimento che collega i due punti e creo un altro punto a metà della linea di riferimento.

Vado ora su imposta piano di riferimento e scelgo il piano che è perpendicolare alla linea di riferimento.

Su questo piano creo un cerchio che sarà il profilo dell'elemento adattivo.A12.png

Quindi seleziono il cerchio e la linea di riferimento A13.png

Successivamente clicclo su "Crea Forma" ed ottengo il mio elemento A14.png

Ora posso carica questa famiglia nel progetto.

I due punti del mio elemento si devono adattare ai punti della superficie. Per fare questo devo però "accendere" i punti della superficie dati dalla griglia di suddivisione della superficie. 

Seleziono quindi la superficie ed in alto a destra ho l'opzione "Rappresentazione Superficie" con una piccola freccia.

Cliccandoci si apre questa finestra A15.png

Seleziono "nodi" per accendere i nodi della superficie.

Quindi ora ho tutti i punti della superficie visibili e selezionabili A16.png

Dal browser di progetto seleziono il mio elemento adattivo ed entro nell'area di lavoro. 

Clicco una volta su un punto e vedrò che il mio elemento si allunga come se fosse una famiglia basata su linea.

A17.png

Clicclo una seconda volta sul punto successivo.

In questo modo ho posizionato il mio primo elemento.

Ora devo ripetere questo elemento su tutta la superficie. Per farlo seleziono l'elemento e in alto il comando che normalmente si chiama "Matrice" in questa modalità diventa "Ripeti"A18.pngQuesto comando fa in modo di ripetere l'elemento selezionato per tutti i punti in quella direzione della griglia che compone la superficie

Infatti ottengo questo 

A19.png

Ripeto la stessa operazione nell'altra direzioneA20.png

se ora cambio il numero di divisione della griglia Revit in automatico ricalcolerà il numero di nodi e di conseguenza disporrà gli elementi adattivi.

In questo caso ho aumento il numero della divisione 

A21.png

Mentre in questo caso l'ho diminuita. 

Si può vedere che l'elemento non si adatta alla superficie in sè ma ai nodi che la compongono. 

Quindi l'elemento andrà in modo lineare da un punto all'altro della superficie.A22.png

Spero ritorni utile questo tutorial.

In caso ci siano dei punti in cui non si capisce bene chiedetemi e cercherò di spiegarlo ulteriormente.

VA1.png

 

VA27.png

Dom, 28/06/2020 - 17:53
Terza Consegna

Ho iniziato aprendo un Metric Generic Model.

27.PNG

Ho creato due piani di riferimento perpendicolari e ho li ho quotati.

2.PNG

Ho assegnato alle quote un parametro di istanza, e ho creato un'estrusione.

3.PNG

Ho allineato i lati dell'estrusione ai piani che ho creato prima.

4.PNG

Mi sono spostata nella vista Front, dove ho creato un altro piano di riferimento a cui ho assegnato una quota.

5.PNG

Ho assegnato un parametro alla quota, sempre di istanza.

6.PNG

Dopo aver allineato l'estrusione anche a questo piano di riferimento, modifico i parametri che ho creato in modo da ottenere un pilastro.

7.PNG

Assegno anche il parametro materiale, che lascio di tipo, e assegno il materiale calcestruzzo al mio pilastro.

8.PNG

9.PNG

Salvo il mio pilastro indicandolo come un elemento strutturale per quando lo metterò nel progetto.

9.1.PNG

Salvo la mia famiglia.

10.PNG

Apro un nuovo Metric Generic Model e creo due piani di riferimento come prima.

11.PNG

Li quoto e li parametrizzo, sempre usando parametri di istanza.

12.PNG

Creo un'estrusione e la allineo ai piani di riferimento.

13.PNG

Mi sposto nella vista Front e creo un piani di riferimento a cui allineo la mia estrusione. Quindi, quoto e parametrizzo il mio piano di riferimento.

15.PNG

Creo un piano di riferimento che chiamo "altezza solaio", e dico alla mia estrusione che deve essere quello il suo piano di lavoro. Successivamente quoto e parametrizzo il piano di riferimento che ho creato. Infine, modifico i valori parametrici che ho creato dandogli le dimensioni del solaio che mi occorre.

16.PNG

Salvo quindi la mia famiglia.

17.PNG

Apro un nuovo Metric Generic Model Line Based.

18.PNG

Creo,nella vista Left, due linee di riferimento perpendicolari, e metto una quota angolare.

19.PNG

Imposto come piano di lavoro la linea verticale, tramite il comando Set a Work Plane > Pick a Plane.

20.PNG

Creo un'estrusione che allineo alle linee di riferimento che ho creato.

21.PNG

Creo un altro piano di riferimento a cui assegno una quota che parametrizzo, e a cui allineo la mia estrusione, in modo da averla ad una certa distanza da terra. Creo anche una quota che parametrizzo in modo da poter determinare lo spessore della mia estrusione.

22.PNG

Mi sposto nella vista Refernce Level e creo dei piani di riferimento a cui allineare la mia estrusione.

23.PNG

Creo delle quote e le parametrizzo per poter poi modificare le dimensioni dell'estrusione.

24.PNG

Mi sposto nuovamente nella vista Left e modifico i parametri secondo le mie necessità.

25.PNG

Salvo la famiglia che ho realizzato come Copertura.

26.PNG

Apro un nuovo Metric Generic Model.

27_0.PNG

Creo dei piani di riferimento e li quoto, aggiungendo dei paramentri di istanza.

28.PNG

Creo un'estrusione e la allineo ai miei piani di riferimento.

29.PNG

Mi sposto nella vista Left, creo un altro piano di riferimento e gli allineo l'estrusione. Quoto il piano di riferimento e gli assegno un parametro di istanza.

30.PNG

Modifico i parametri che ho assegnato precedentemente così da ottenere un gradino per le scale che voglio inserire nel progetto.

31.PNG

Creo un altro piano di riferimento che chiamo "altezza da terra".

32.PNG

Modifico il piano di lavoro del gradino con quello che ho creato.

33.PNG

Mi risposto nella vista Ref. Level e modifico i valori ai parametri precedentemente assegnati, aggiungendo anche il parametro "Materiale".

34.PNG

Salvo la famiglia che ho creato.

35.PNG

Apro un nuovo Metric Generic Model Line Based.

36.PNG

Creo due piani di riferimento perpendicolari e un'estrusione.

37.PNG

Assegno quote e le parametrizzo. Allineo l'estrusione ai piani di riferimento e lo blocco.

38.PNG

Imposto come piano di lavoro la linea di riferimento che fa parte del Metric Generic Model.

39.PNG

Modifico i valori dei parametri, e assegno un'altra quota angolare alla linea di riferimento, a cui assegno un parametro di istanza.

40.PNG

Regolo definitivamente le misure dei parametri e assegno anche il parametro "Materiale".

41.PNG

Salvo la famiglia che ho creato come "Pannelli".

42.PNG

Apro un nuovo Metric Generic Model e creo due nuovi piani di riferimento.

43.PNG

Creo un'estrusione che allineo e blocco ai piani di riferimento. Quoto e parametrizzo i piani di riferimento.

44.PNG

Mi sposto nella vista "Left" e creo un piano di riferimento, che parametrizzo e a cui allineo l'estrusione. Modifico poi i parametri che ho aggiunto precedentemtne e assegno di nuovo il materiale calcestruzzo.

45.PNG

Indico l'elemento che ho creato come "Structural Framing" per quando lo dovrò inserire nel progetto.

45.1.PNG

Salvo l'elemento che ho creato come trave 1.

46.PNG

Apro un nuovo Metric Generic Model, creo dei piani di riferimento e un'estrusione che allineo e blocco ai piani di riferimento. Poi quoto e parametrizzo i piani di riferimento.

48.PNG

Mi sposto nella vista Front, aggiungo un altro piano di riferimento, a cui allineo l'estrusione. Aggiungo una quota a cui asssegno un parametro di istanza, poi modifico i parametri per ottenere una trave, a cui assegno anche il materiale.

49.PNG

Indico questo elemento come "Structural Framing".

49.1.PNG

Salvo questo elemento come trave 2.

50.PNG

Apro un altro Metric Generic Model Line Based.

51.PNG

Dalla vista Left, creo un'estrusione e la quoto.

52.PNG

Creo un piano di riferimento orizzontale e uno verticale, a cui allineo l'estrusione. Modifico i parametri assegnati prima, e imposto come piano di lavoro la liena di riferimento su cui è basata la famiglia.

53.PNG

Aggiungo una quota angolare alla linea di riferimento e la parametrizzo.

54.PNG

Modifico definitivamente i valori dei parametri e imposto la rotazione dell'estrusione.

55.PNG

Modifico il perimetro dell'estrusione.

56.PNG

Salvo la famiglia come "Brise Soleil".

57.PNG

Apro un progetto.

58.PNG

Carico la famiglia "Solaio".

59.PNG

Carico la famiglia "Pilastro".

60.PNG

Inserisco un solaio e creo una serie di piani di riferimento che pongo come equidistanti mettendo delle quote consecutive. Inserisco anche i pilastri e li allineo ai piani che ho creato.

61.PNG

62.PNG

Inserisco un altro solaio, a cui modifico il parametro altezza da terra e poi anche quello di profondità perchè sia la metà di quello sottostante.

63.PNG

64.PNG

Inserisco la famiglia Copertura.

65.PNG

Creo una sezione e mi sposto su quella vista per spostare la copertura nella posizione che mi occorre, creando anche un altro livello che nomino "base copertura", e indico alla copertura di usarlo come livello di appartenenza.

66.PNG

67.PNG

Modifico i pilastri, creando dei nuovi Tipi a cui do l'altezza che mi occorre.

68.PNG

69.PNG

Creo un muro, duplicando il tipo standard del programma, e a cui assegno lo spessore del pilastro.

69.1.PNG

Creo un Curtain Wall per le vetrature esterne, che modifico e posiziono sui lati lunghi.

70.PNG

Salvo il progetto come "Assemblaggio".

71.PNG

Inserisco un'altro solaio, alla stessa quota dell'ultimo che ho inserito, modificando i parametri di profondità e di larghezza, e aggiungo dei pilastri che sostengono questa terrazza esterna.

72.PNG

Inserisco la famiglia Scale, a cui modifico il parametro altezza da terra, fino ad avre il giusto numero di gradini per superare il mio dislivello.

73.PNG

74.PNG

Apro un nuovo Metric Generic Model.

75.PNG

Inserisco le travi 1 e 2 che ho realizzato precedentemente.

76.PNG

Inserisco anche la famiglia Brise Soleil.

77.PNG

Ruoto il progetto di 90° e creo una serie di piani di riferimento a cui impongo di essere equidistanti.

78.PNG

Vi inserisco gli elementi per andare a formare il Brise Soleil e salvo la famiglia, che andrò poi ad inserire nel progetto.

79.PNG

80.PNG

81.PNG

Dispongo la copertura per la terrazza al suo posto.

82.PNG

Inserisco la famiglia Pannello e la posiziono, ruotandola tramite il parametro per avere un effetto movimentato sulla facciata.

91.PNG

92.PNG

83.PNG84.png85.png86.png87.png88.png89.png90.png

 

 

Sab, 27/06/2020 - 17:29
Terza Consegna- Assemblaggio Tettonico

Per iniziare il mio Assemblaggio tettonico creo una nuova famiglia scegliendo come template: “metric generic model”. Dalla vista prospetto “front” creo una “reference line” che parte dall’origine degli assi e continua con un’inclinazione. Quoto l’angolo creato tra la linea e il piano di terra. Dal menù “Create” seleziono “Set” e successivamente “Pick a plane” scegliendo come nuovo piano di riferimento la reference line.

1.JPG2.JPG

Ora creo una seconda reference line a partire dalla fine della prima, sempre inclinata ma verso il basso. Quoto l’angolo tra le due linee e mi creo un piano di riferimento verticale, a destra del piano verticale che parte dall’origine, che quoto impostando una distanza da quest’ultimo di 2,5 m. Ora allungo l’estremità della seconda linea fino a toccare l’intersezione tra il piano di terra e il piano verticale da me creato, allineando e lucchettando quest’estremità al piano. Salvo e nomino il file: “VRM – ES.3 – Telaio Base”.

3.JPG

4.JPG5.JPG6.JPG

Creo un’altra famiglia ma questa volta scelgo come template: “metric generic model line based”. Dalla vista “Ref.level” creo un piano di riferimento verticale a destra del preesistente e un piano di riferimento orizzontale al di sopra del preesistente. Quoto il piano orizzontale e creo due parametri di “tipo” : “b” (per indicare lo spessore della trave che sto creando) e “h” (per indicare l’altezza). Al parametro “b” assegno un valore di 5 cm e al parametro “h” un valore di 15 cm. Alla quota del piano di riferimento orizzontale da me creato assegno il parametro “b”, poi mi sposto in prospetto e creo un altro piano orizzontale al di sopra del piano di terra, lo quoto e gli assegno il parametro “h”.

7.JPG

8.JPG9.JPG10.JPG

Ora ,dalla pianta, creo un’estrusione rettangolare e allineo, chiudendo i lucchetti, i lati del rettangolo con i piani di riferimento. Faccio la stessa operazione in prospetto.

11.JPG

Apro la finestra dei “Family types” e creo altri due nuovi tipi cambiando il valore di “h” per il tipo 5*25 cm (a h assegno il valore di 25 cm) e cambiando il valore di “b” per il tipo 15*15 cm (a b assegno il valore di 15 cm e anche h ha lo stesso valore). Salvo nominando il file: “VRM – ES.3 – Trave Line Based”.

12.JPG

13.JPG

Apro nuovamente la famiglia del “Telaio Base” e inserisco la famiglia delle travi. Inserisco la trave 5*15 cm nel prospetto e allineo il lato lungo alla prima linea di riferimento allungando la trave fino alla fine della linea. Da “Create” seleziono “Set” e scelgo un nuovo piano di lavoro selezionando “pick a plane” e cliccando sulla seconda linea di riferimento. A questo punto inserisco lo stesso tipo di trave nuovamente ma allineandolo alla seconda linea di riferimento.

14.JPG15.JPG16.JPG

Creo i paramentri di “istanza” : “Angolo_Base” , a cui assegno un valore di 25°; e il parametro “Angolo_Mediano”, a cui assegno il valore di 135°. Assegno il primo parametro alla quota angolare tra il piano di terra e la prima linea di riferimento, e il secondo parametro alla quota angolare tra la prima e la seconda linea. Allungo le estremità vicine delle due travi per creare una sorta di “incastro”. Poi mi sposto nella vista della pianta e inserisco delle “Symbolic Lines” (posso selezionare questo strumento dal menù “Annotate”) : due cerchi e una linea per riconoscere gli elementi e poterli selezionare meglio in pianta. Salvo il file nuovamente.

17.JPG18.JPG25.JPG19.JPG

Creo una nuova famiglia (metric generic model) che salvo e nomino: “VRM – ES.3 – Assemblaggio in Famiglia”. Dalla vista della pianta creo un piano di riferimento orizzontale distante 2m dall’origine (verso la parte in alto) e una linea di riferimento di forma dodecagonale la cui metà raggio del cerchio inscritto parte dall’origine e arriva al piano creato. Faccio lo stesso procedimento ma con un dodecagono avente come valore della metà del raggio del cerchio inscritto 4,5 m. Per fare ciò mi aiuto attraverso la creazione di un piano di riferimento superiore al precedente e distante da esso 2,5 m, e quindi dall’origine 4,5 m.

20.JPG21.JPG

Ora creo dei piani di riferimento che partono dall’origine e si sviluppano a raggiera passando per ogni punto medio dei lati del dodecagono e per ogni suo estremo. Poi inserisco la famiglia del Telaio Base all’interno del file di Assemblaggio e trascino il telaio nella pianta, ripetendo l’operazione per ogni “raggio” e allineando il lato del telaio con il “raggio- piano di riferimento” appena creato.

23.JPG24.JPG

Ora partendo dal componente telaio base allineato con il raggio verticale della parte inferiore del dodecagono, nel mezzo, che ha un valore di Angolo_Mediano di 135° inizio a selezionare gli altri componenti verso la sua sinistra aumentando a ognuno il valore dell’Angolo_Mediano di 3,75° fino a arrivare a un valore dell’angolo di 180°. Arrivata a questo valore continuo ma diminuendo l’angolo, sempre di 3,75°, fino a tornare a 135°. Posso cambiare questo valore direttamente dalle proprietà del componente in quanto precedentemente avevo creato questo parametro impostandolo di istanza.

26.JPG27.JPG28.JPG

Apro nuovamente il file delle travi. Creo un nuovo parametro, di “tipo” ma non di tipo “dimensione” bensì “Materiale”. Creo quindi un materiale che chiamo “VRM – Legno” e a cui assegno come aspetto l’immagine di un legno scuro. Assegno questo parametro a tutti e tre i tipi di travi che ho creato. Salvo il file e lo ricarico nel telaio, poi ricarico il telaio nell’assemblaggio.

29.JPG30.JPG31.JPG

Creo una nuova famiglia scegliendo come template: “metric generic model face based”. il template presenta già un’estrusione di base che io espando dalla vista pianta allungando tutti e 4 i lati creando un quadrato 10*10 metri. Creo nuovamente i miei due dodecagoni attraverso l’utilizzo delle linee di riferimento e uno dentro l’altro. Le misure dei raggi dei cerchi inscritti sono le stesse usate per l’Assemblaggio in Famiglia.

32.JPG33.JPG

A questo punto inserisco due piani di riferimento che partono dall’origine e intersecano i due estremi di un lato del dodecagono. Creo un’estrusione rettangolare e allineo i due lati verticali al primo e al secondo lato del dodecagono intersecato dai piani creati; e i lati orizzontali ai piani stessi. Poi mi sposto nella vista “Front” e creo un piano di riferimento orizzontale sopra all’estrusione, lo quoto e ,dopo aver creato il parametro spessore (di tipo) con valore 8 cm, glielo assegno.

34.JPG35.JPG36.JPG

Creo anche il parametro “Materiale_Pannello” a cui assegno il materiale “VRM – Legno” e attraverso le proprietà dell’estrusione lo seleziono. Successivamente torno nel file del Telaio Base e quoto la distanza tra l’origine e la fine della prima trave inclinata. Utilizzo questa distanza (1119 millimetri)  per creare un’ulteriore dodecagono nel file “face based” i cui lati sono distanti di questo stesso valore dai lati del primo dodecagono. A questo punto allineo il lato maggiore del pannello creato prima con il lato del nuovo dodecagono compreso tra i due dodecagoni preesistenti. Ora ho un pannello che possa poggiarsi sulla prima trave. Sposto il pannello con il punto medio del suo lato corto nell’origine in modo da poterlo posizionare nell’assemblaggio prendendolo da quel punto.  Salvo la famiglia nominandola “VRM – ES.3 – Pannello Copertura”.

37.JPG38.JPG39.JPG40.JPG

Apro la famiglia “Assemblaggio in famiglia” e inserisco la famiglia del pannello copertura. Nella vista ”3D”  trascino il pannello di copertura selezionando “Place on face” e posizionandolo appoggiato su tre travi inclinate del primo giro di travi. Faccio questa operazione fino a coprire tutto il primo giro di “raggi” composti da travi.

41.JPG

Creo una nuova famiglia utilizzando “metric generic model line based” come template e la salvo chiamandola “ VRM – ES.3 – Pannelli Copertura 2”. Creo due piani di riferimento, uno verticale e uno orizzontale a cui allineo i lati di un’estrusione rettangolare, quoto i piani orizzontali e assegno il parametro (di tipo)  “larghezza” con valore di 20 cm. Mi sposto nella vista “Front” e creo un piano di riferimento orizzontale che quoto e a cui assegno il parametro “altezza” (sempre di tipo) con valore di 8 cm. Chiamo questo “tipo” : “20 cm – Acero” poiché gli assegno anche il parametro del “Materiale_Pannello” creando un materiale “VRM – Acero” che presenta l’aspetto di una texture di  acero chiaro. Dai “Family Types” creo un altro tipo che nomino “40 cm – Acero” e cambio il valore della larghezza da 20 cm a 40 cm. Creo un altro tipo da 20 cm di larghezza e da 40 cm (sempre di larghezza9 ma cambiando il materiale associato da “VRM – Acero” a “VRM – Legno” (lo stesso materiale usato per le travi e per il primo pannello di copertura).

42.JPG43.JPG44.JPG

45.JPG46.JPG

Apro il file dell’assemblaggio in famiglia e inserisco la famiglia dei “Pannelli di Copertura 2”. Trascino i pannelli nella vista 3D appoggiandoli sul secondo giro di travi (le travi che cambiano l’inclinazione dell’angolo di partenza). Appoggio prima 4 travi da 20 cm di larghezza, alternando il materiale per ogni coppia di travi su cui poggiano. Sopra due pannelli appoggio il pannello da 40 cm, avendo quindi un totale di due pannelli da 40 appoggiati ognuno su due pannelli da 20 e lasciando uno spazio vuoto nel mezzo. I pannelli in prospetto risulteranno sfalsati e appoggiati anche ai pannelli dello “spicchio" di copertura affianco in quanto le travi su cui poggiano si alzano e abbassano lungo il perimetro.

47.JPG48.JPG

L’aspetto della copertura risulta pesante quindi riapro il file dei Pannelli di Copertura 2 e cambio il loro spessore da 8 cm a 2 cm, salvo e ricarico la famiglia nel file dell’Assemblaggio sovrascrivendo il file. Poi continuo nell’assemblaggio posizionando tutti i pannelli secondo la logica spiegata precedentemente.

49.JPG50.JPG51.JPG52.JPG

Creo un nuovo progetto selezionando come template “nessuno” e successivamente “metrico”. Nella pianta del livello 1 creo due piani di riferimento orizzontali superiori al preesistente. Il primo dista da quest’ultimo 2 m mentre il secondo dista dal primo 2,5 m. creo due “Detail lines“ di forma dodecagonale. Il primo dodecagono lo creo cliccando prima nell’origine e poi , proseguendo verticalmente, sul primo piano; il secondo cliccando nell’origine e poi sul secondo piano di riferimento raggiungendolo sempre perpendicolarmente dall’origine. Salvo il progetto : “VRM – Assemblaggio Tettonico” .

54.JPG55.JPG

Creo una nuova famiglia scegliendo come template “ metric curtain wall panel” e lo salvo “VRM – ES.3 – Pannello Facciata”. Mi sposto nel prospetto “Exterior” e creo un piano di riferimento verticale a 60 cm di distanza (verso destra) dal piano verticale preesistente di sinistra. Inserisco la famiglia delle travi e trascino una trave 15*15 cm nel prospetto posizionandola verticalmente. Allineo un lato verticale della trave con il piano creato prima e i due lati corti con i piani orizzontali preesistenti.

56.JPG57.JPG

Inserisco altri 5 piani orizzontali nello spazio compreso tra i due piani orizzontali preesistenti e li pongo alla stessa distanza tra loro. Trascino tre travi 5*25 cm posizionandole orizzontalmente tra il primo piano verticale di sinistra e la trave 15*15 cm allineando i lati corti con i due piani verticali e il lato lungo inferiore con i primi tre piani orizzontali (a partire dall’alto).

58.JPG

59.JPG

Trascino ora nella parte di destra, rispetto alla trave verticale, le travi 5*15 cm posizionandole orizzontalmente e partire dal terzo piano orizzontale (contando dall’alto) fino a arrivare all’ultimo e allineando i lati come fatto precedentemente per le travi 5*25cm. Salvo il file.

60.JPG

Apro nuovamente il progetto dell’Assemblaggio Tettonico e creo due muri di forma dodecagonale che sovrappongo alle “detail lines” dodecagonali create prima. Clicco sui muri creati e dalle proprietà cambio il tipo in “curtain wall”. Clicco ora su “Edit type” e duplico il tipo di muro rinominandolo “VRM – CURTAIN WALL” e cambiando tra i parametri di costruzione il “Curtain Panel” a cui associo il curtain panel creato da me e precedentemente inserito nel progetto attraverso “Load Family”. Nella sezione “Vertical Grid” imposto come layout “Fixed distance2 e gli do un valore di 1,5 m mentre la griglia orizzontale non la modifico.

61.JPG62.JPG

Ora seleziono nuovamente tutti i curtain wall e dalle proprietà cambio l’altezza inserendo come valore 2,7 m.

63.JPG

Inserisco la famiglia dell’Assemblaggio in famiglia e mi sposto nel prospetto. Dal prospetto cambio l’altezza del “livello 2” portandolo a 2,7 m. Mi sposto nella pianta del livello 1 e trascino l’Assemblaggio in famiglia posizionando la sua origine sull’origine degli assi del file di progetto. Poi seleziono l’Assemblaggio in famiglia e dalle proprietà cambio il suo livello da “livello 1” a “livello 2” e controllo che si sposti dal prospetto.

64.JPG

Dalla vista 3D aiutandomi con il tasto “tab” seleziono singolarmente ogni griglia verticale dei pannelli del curtain wall e ne alzo ognuno in modo da raggiungere l’altezza della copertura in quel determinato punto. In questo modo il muro composto da travi di legno segue l’andamento della copertura che crea una sorta di onda.

65.JPG

66.JPGIl risultato finale è il seguente. È un ibrido tra una composizione astratta e un assemblaggio architettonico e può essere una sorta di padiglione o installazione temporanea ispirata anche un po' alle opere di Kengo Kuma.

67.JPG3D View 1.jpg

3D View 3.jpg

3D View 4.jpg

 

Sab, 27/06/2020 - 16:24
TENTATIVO DI ASSEMBLAGGIO FORMALE PARAMETRICO

Before we start working on our tentative parametric assemblaggio we have to learn how to do a parametric component step by step:

After we open Revit, we have to CREATE A NEW FAMILIE. In this case, i opened Metric Generic Model _2020.

On top at the right, click REFERENCE PLANE.

In the Ref. Level there are already 2 reference planes. Let's add another vertical and horizontal. Click where you want, the blue number that appears is the distance between the vertical reference planes (the same happened in the horizontal axis) and after you can modify it.

In the same window, on top at the left, click SOLID EXTRUSION.

Do a rectangle that covers the imaginary one formed by the refence planes. When you finish, click the green bottom. 

Now, lets aligned everything: 

1. Click Align.

2. Click a refence plane and pick the same side of the solid rectangle. When you aligned both, appears an opened lock. Click on it and it will lock it. (After you will understand why its necessary).

3. Repeat for the other 3 sides.

When you finish, it will see like this. If you want you can shaded it.

Remember that before i said we can modify the distance between the refence planes. If you pay atention, when i click my reference plane called FIANCO it appears a LOCK. Because we locked it before, this plane will follow the new distances i give.

At the left of the screen, you can find all the views. In the FRONT view, i made a new reference plane.

Click on your solid and go to Edit Work Plane. The new reference plane will become our new "floor".

Go to the ANNOTATE window. Now we will quote our solid.

After we quote the 2 sides, we are going to parameterize them: pick one and Create a Parameter.

My parameters LARGHEZZA and PROFONDITA are INSTANCE.

Repeat this step in the Front View.

Save YOUR COMPONENT and CREATE A NEW PROJECT.

WWindos Insert, Load Family, Open your Component.

At the left, +Generic Models, +FPT- COMPONENTE PARAMETRICO, +FPT - COMPONENTE PARAMETRICO. Click and drag it. 

After i parametrized my quotes: ALTEZZA DA TERRA, LARGHEZZA, PROFONDITA, SPESSORE, i started playing with their measures. 

My idea was to generate a volume with movements, so i "paste" all the components but leaving 1 meter of "advantage" with their "neighbour". Kind of "pushing" 1 meter more.

This tentative of assemblaggio parametrico is with a sequence of 5 components that are going up (each component) in 25cm respect da terra until reachin 3 meters.

The parameters of larghezza and profondita are always the same and do not change. 

The spessore is a parameter that also changes. The constant difference betwen them helps to shuffle the volume. 

 

Mer, 24/06/2020 - 23:55

Pagine